Mary A. Waters

16 ottobre 2010 - 27 novembre 2010

Mary A. Waters è cresciuta in Irlanda, in un contesto dove l'accesso ai capolavori dei musei o a quello delle ricche illustrazioni delle biblioteche, non era sempre visibile. Appassionata di pittura Rinascimentale Italiana e del Secolo d' Oro Olandese e Inglese, Mary A. Waters ha dovuto soddisfare la sua curiosità osservando le riproduzioni, spesso in bianco e nero, che trovava nei cataloghi. Questo rapporto indiretto con le opere ha profondamente influenzato la sua riflessione, e il principio stesso della riproduzione è tuttora il cuore del suo percorso artistico.
Mary A. Waters agisce come una cacciatrice di immagini, riprendendo nelle sue tele quei personaggi tratti dai più celebri ritratti della storia dell' arte che dipinge in maniera contemporanea. Il minuzioso trattamento di elementi passati contrasta infatti con l'uso libero del colore e l'impronta di tecniche fotografiche o cinematografiche: l'inquadratura in primo piano, i formati simili a schermi cinematografici, i fondi monocromi come quelli degli studi fotografici.
Questi personaggi altezzosi, che mostrano i loro attributi di potere e ricchezza, vengono presentati in un ambiente inappropriato che sminuisce quel senso di superiorità che le immagini veicolavano.
Giocando su falsi anacronismi, l'artista ci invita a ritornare sul nostro modo di osservare le opere, particolarmente sulle immagini emblematiche della cultura europea occidentale.
Attraverso questi ritratti sapientemente elaborati, presentati fuori dal proprio contesto e dal proprio tempo, l'artista ci fa cogliere prima di tutto l'atemporalità e il potere della Pittura.

Per la prima esposizione di Mary A. Waters in Italia, la galleria Al Blu di Prussia presenta una serie di lavori inediti (cm 60 x 50) realizzati dall' artista specialmente per la mostra napoletana.
Nata nel 1957 a Londra. Vive e lavora a Galway (Irlanda) e Utrecht (Olanda).

 

 


 

Galleria Fotografica